Il nostro sito utilizza cookie e tecnologie simili per ricordare la vostra visita, raccogliere statistiche delle visite e adattare il nostro sito ai vostri interessi. Essi consentono, inoltre, di offrire pubblicità su misura e collegamenti ai social network. Per maggiori informazioni o per impostare le preferenze dei cookie, in qualsiasi momento è possibile utilizzare il nostro strumento «Impostare le preferenze dei cookie» riservato a chi è registrato al sito. Accettando si prosegue la navigazione e si acconsente all’ installazione dei «cookie» da parte nostra o di terzi.

Buona Pasqua dalla cucina di nonna Orlanda

Agnello brodettato

Le ricette

Buona Pasqua da nonna Orlanda!!  Siamo nella Settimana Santa, la settimana nella quale i Cristiani celebrano la passione, la morte e la resurrezione di Gesù. Nel Paese c’è un’area austera. Dopo giorni e giorni di pioggia e freddo, finalmente c è una tregua. Gli alberi fioriti nei giardini e nei campi ci ricordano che la Primavera è arrivata.  

Per Pasqua, vi propongo un primo piatto della tradizione del posto, pappardelle al cinghiale. I Falischi, oltre che dedicarsi all’agricoltura e alla pesca, sono anche abili cacciatori!

Come secondo, agnello brodettato.

E come dolce “pizza di Pasqua di mamma Felicetta”, una ricetta molto speciale tramandata dalla mamma di nonna Orlanda. Le donne di Montefiascone già da mercoledì hanno iniziato a fare questo dolce tipico della zona, da consumare a Pasqua e a Pasquetta. 

Pappardelle al cinghiale

Ingredienti. Per le pappardelle: farina 1 Kg., uova 6. Per il sugo: olio d’oliva q.b., aglio 1 spicchio, cipolla 1, sedano 1 costa, carota 1, alloro 2 foglie, cinghiale macinato 500 gr., pancetta 100 gr., vino bianco secco ¼ l, passata di pomodori 2/3 cucchiai, farina 1 cucchiaio.

Preparazione. Per le pappardelle, mettere la farina sulla spianatoia a fontana e aggiungere le uova, lavorare fino a formare un impasto un po sostenuto, tirare la sfoglia con il mattarello e farla asciugare, quando la pasta è asciutta arrotolarla e tagliare le pappardelle, lessare e condire con il ragù.

Per il sugo, mettere a marinare il cinghiale con il vino e gli odori (cipolla, carota, sedano, aglio e alloro) per 12 ore. Preparare un brodo con le ossa del cinghiale e gli odori. Fare un soffritto con olio aglio e cipolla, carota, sedano, pancetta a dadini e foglia di alloro. Unire il cinghiale, il sale, il pepe, il peperoncino e far cuocere per 1 ora. Aggiungere il vino e fare evaporare, il pomodoro, il cucchiaio di farina e il brodo. Cuocere lentamente per un’oretta.

Condire le pappardelle con il sugo ed il parmigiano.

Agnello brodettato

Ingredienti: agnello 800 gr., olio d’oliva q.b., sale, pepe, peperoncino, rosmarino, salvia, vino bianco secco 1 bicchiere, uova 2, noce moscata, limone 1. 

Preparazione: Tagliare l’agnello a pezzi e metterlo in un tegame, fargli fare l’acqua, scolarlo e metterlo in padella con olio, sale, pepe, peperoncino, rosmarino e salvia. Cuocere lentamente, aggiungere il vino e fare evaporare. A parte preparare una salsina con le uova, il sale, il pepe e limone spremuto; versare sull’agnello e rigirarlo lentamente lontano dal fuoco. Servire caldo.

Pizza di Pasqua di mamma Felicetta

Ingredienti. Per il lievito: lievito di birra 1, acqua 250 gr., latte ½ l, farina q.b.. Per l’impasto: uova 20, zucchero 1,5 kg., lievito di birra 100 gr., pane degli angeli 2 bustine, limoni 2, vaniglia 2, fecola di patate 3 buste, olio 20 cucchiai, farina q.b., goccie profumate Bracuti per 20 uova, liquore “Mischietto” di Marenghi, cannella a piacere. 

Preparazione. Preparare l’impasto con il lievito di birra, il latte, l’acqua, la farina e lasciare lievitare al caldo per tutta la notte. L’indomani, sbattere le uova con lo zucchero; aggiungere l’olio, la vaniglia, la scorza dei limoni grattugiata, la fecola, la cannella e il pane degli angeli. A questo impasto aggiungere il lievito del pane e lavorare, unendo un po alla volta la farina fino a fare un impasto morbido. Mettere il Mischietto e le goccie profumate e maneggiare con forza per almeno 10 minuti. Lasciare riposare per 1,5 ore. Imburrare gli stampi, che devono essere alti, e versarci l’impasto equivalente ad 1/3 della capienza dello stampo stesso e lasciare lievitare fino a quando l’impasto ha raggiunto l’orlo dello stampo. A questo punto spennellare le pizze con un uovo intero sbattuto con un cucchiaino di zucchero e infornare per circa un’ora a 150°.

A Natale, mezzo pane; a Pasqua, mezzo vino” (detto popolare), Auguri di buona Pasqua e buon appetito dalla cucina di nonna Orlanda.

e-max.it: your social media marketing partner
Se desideri essere informato regolarmente sulle nostre attività, iscriviti alla nostra Newsletter. Il servizio è completamente gratuito. La Newsletter sarà inviata con cadenza quindicinale ed i tuoi dati non saranno condivisi con terzi.
Visit Montefiascone!